Strategie di marketing per il tuo brand di serramenti nel 2022

"6 consigli per farlo decollare nel nuovo anno"

Il 2021 è terminato già da un pò e verrà archiviato come un anno eccezionale per i volumi di vendita realizzati dalle imprese del settore, alcune delle quali hanno ulteriormente affermato i loro brand di serramenti. 

Il nuovo anno è iniziato, non solo con la riconferma di Sergio Mattarella come Presidente della Repubblica per altri 7 anni, ma anche con alcune incognite di mercato legate alla stretta per la cessione dei crediti da bonus fiscali.

Lo sconto in fattura perderà il suo appeal o la sua efficacia nel 2022? 

Questa è la domanda che circola tra molti operatori e addetti al settore.

Nel frattempo “the show must go on” (“Lo spettacolo deve continuare”) come ci ricorda il mitico Freddie Mercury,  cantante e pianista dei Queen (il celebre gruppo musicale britannico). 

Ecco allora che le aziende sono alle prese con la programmazione del nuovo anno e di quelle che saranno le strategie di marketing per acquisire nuovi clienti, conquistare altre quote di mercato, diffondere ancora di più il proprio brand di serramenti e raggiungere traguardi sempre più ambiziosi. 

Non che il marketing debba cambiare radicalmente anno dopo anno. 

No, anzi, il marketing resta sempre quel “processo di pianificazione ed esecuzione delle attività di ideazione, attribuzione di prezzo, promozione di idee, prodotti e servizi allo scopo di generare scambi che soddisfino gli obiettivi di individui ed organizzazioni”, secondo quella che è la definizione dell’American Marketing Association.

Il marketing era così circa sessant’anni fa, così è oggi e così sarà anche domani.

Un nuovo algoritmo di Google, un’altra piattaforma digitale, un nuovo canale social, il metaverso che avanza: tutto è soggetto al cambiamento, ma il marketing resta sempre lo stesso.

A cambiare però sono gli obiettivi da raggiungere, i piani da elaborare, gli strumenti da utilizzare e possono variare anche le strategie di marketing per lo sviluppo del tuo brand di serramenti. 

Ecco allora che, di anno in anno, è necessario riequilibrare la strategia per avere la sicurezza di non lasciarsi sfuggire delle occasioni preziose.

Qualsiasi azienda che produce o vende porte e finestre deve sempre recepire tutti i segnali che arrivano dal mercato e dal suo pubblico, composto da nuovi e vecchi clienti. 

Gli elementi da prendere in considerazione nel mutamento di una strategia di marketing possono essere tanti. 

Una nuova legge che, all’improvviso, sfavorisce l’uso di uno strumento di vendita, l’aumento delle materie prime da parte dei fornitori, l’allungamento dei tempi di consegna dei prodotti, il cambio delle regole per il contenimento del Covid-19, un concorrente minaccioso che ha deciso di aprire proprio di fronte al tuo showroom, ecc. 

Ci sono tante cose da prendere in considerazione che, seppur apparentemente distanti, possono compromettere il successo del tuo brand di serramenti o vanificare le azioni di marketing. 

Per questi motivi le strategie aziendali devono essere sempre monitorare e cambiate, laddove lo scenario nel quale si compete muti all’improvviso o nel tempo, in maniera da raggiungere le mete prefissate anche nel 2022. 

 

6 consigli per la strategia di marketing per il tuo brand di serramenti

Ho selezionato quelli che, in qualità di consulente di marketing, ritengo essere dei punti rilevanti, ben sapendo che ce ne potrebbero essere altri altrettanto importanti, visti come sempre da diverse angolazioni o prospettive. 

1) Come hai archiviato l’anno passato?

Per definire una nuova strategia di marketing per il tuo brand di serramenti nel 2022, devi partire dall’analisi e dalla valutazione dell’anno precedente. 

Gli obiettivi legati alla promozione dei tuoi serramenti sono stati raggiunti? 

E se sono stati raggiunti: sono dipesi da elementi interni all’azienda o da fattori esterni su cui non hai l’eventuale controllo? 

Un esempio di fattore interno potrebbe essere l’introduzione di un responsabile marketing nella tua azienda o di una campagna promozionale legata al tuo brand di serramenti che è andata particolarmente bene. 

Al contrario: un fattore endogeno (o non controllabile) potrebbe essere rappresentato dal ricorso in maniera massiccia alla vendita dei serramenti con lo sconto in fattura, che ha fatto da volano alla ripresa economica del PIL italiano e magari anche al fatturato della tua impresa. 

Se invece le mete prefissate non sono state raggiunte, occorre valutare attentamente le cause. 

Errori di strategia, mancanza di pianificazione delle attività social, obiettivi troppo ambiziosi da raggiungere, assenza di testimonianze per lo sviluppo delle PR, un budget insufficiente o altri elementi: possono aver inciso in positivo o in negativo, nello sviluppo del tuo brand.   

E’ per questo che, durante le mie consulenze, prima ancora di pensare ad altro, svolgo un’accurata e preliminare analisi S.W.O.T. dell’azienda analizzando i punti di forza e di debolezza attuali del brand, ma anche le opportunità e le minacce che il mercato offre per avere un quadro complessivo della situazione e suggerire eventuali azioni correttive.

Pensa perciò a quello che hai fatto nel precedente anno, interpreta ogni risultato positivo o negativo e pianifica la tua strategia di branding. 

2) Quale strategia applicare? 

Ti sei accorto che qualcosa lo scorso anno non ha funzionato a dovere e hai deciso che è arrivato il momento di porre rimedio in maniera puntale e precisa?

Fare questo significa pianificare tutte le attività di marketing legate al tuo brand di serramenti nel corso dell’intero 2022. 

Il tempo scorre veloce e se non programmi, andrai incontro all’improvvisazione. 

Cosa vuoi ottenere quest’anno? 

Vuoi mantenere o aumentare le quote di mercato? 

La strategia di marketing che stai utilizzando pensi sarà efficace anche per l’imminente futuro? 

Se la risposta è negativa, allora devi cambiare qualcosa e virare la rotta per andare verso la giusta direzione. 

Cosa fare? Dipende, ovviamente da quali sono i tuoi obiettivi. 

Se ti sei accorto, ad esempio, che il tuo brand di serramenti viene richiesto soprattutto da chi è più interessato al prezzo piuttosto che al valore delle tue proposte, allora devi correre subito ai ripari. 

Prima di tutto focalizza a chi ti rivolgi e valuta se la comunicazione che stai adottando è quella più giusta per il tuo target. 

Vuoi conquistare l’attenzione di architetti o privati di fascia medio-alta?

Allora non concentrare tutta la comunicazione sullo sconto in fattura o su promozioni a buon mercato. 

Al contrario usa un messaggio che possa davvero essere interessante per questa tipologia di clienti e che catturi l’attenzione. 

3) Investi in un evento per lo sviluppo delle PR

Che sia online, all’interno della tua azienda o in una location suggestiva un evento mirato su un tema a cui è particolarmente interessato il tuo pubblico, è uno dei modi più efficaci per fare nuove conoscenze e incontrare persone per fare networking.  

Quale tema scegliere? 

Ovviamente deve riguardare qualcosa che sia connesso con il tuo brand di serramenti: una soluzione che genera un beneficio o un vantaggio per il cliente. 

Cerca di identificarlo con attenzione. 

Potrebbe riguardare il risparmio energetico, il comfort acustico, la qualità dell’aria negli ambienti di lavoro, la sicurezza, il benessere abitativo, ecc.

Ricorda che il marketing parte da esigenze e problemi, a cui le persone vogliono porre rimedio. 

“Il marketing consiste nell’individuazione e nel soddisfacimento dei bisogni umani e sociali” Philip Kotler

Crea pertanto il prodotto ad hoc o offri il servizio giusto in base ad un’accurata ricerca e segmentazione del mercato, al fine di individuare una nicchia di persone.   

Confeziona il tutto attraverso un evento per sviluppare: pubbliche relazioni, interagire con le persone giuste e creare le basi per lo sviluppo di credibilità e fiducia verso il brand che rappresenti.  

4) Senza una promessa non esiste un brand 

Costruire un brand di serramenti efficace significa partire da una precisa dichiarazione d’intenti nei confronti del pubblico.

Qual è la tua promessa? 

Se ancora non l’hai identificata con precisone e inserita all’interno della strategia del tuo brand di serramenti, è il momento di farlo. 

Serve uno slogan accattivante capace di rendere attrattivo ed efficace il tuo messaggio. 

Vuoi un esempio che ho seguito in prima persona? 

Perfecta: la finestra energetica. 

Ideata  per un certo tipo di costruzioni (edifici NZEB o immobili in classe A), per ristrutturazioni edilizie di primo livello o per specifici lavori di efficientamento energetico legati al superbonus.

Target: progettisti, architetti e costruttori che desiderano prestazioni termiche superiori e un grado di isolamento testato da un ente autonomo. 

Perfecta by DEAR è la soluzione ideale perché si fregia del marchio “FinestraQualità” rilasciato da CasaClima e del sigillo in classe GOLD (il livello più alto raggiungibile per ambire ad un maggiore risparmio energetico).  

Per raggiungere questo obiettivo la comunicazione deve essere mirata e avere elementi differenzianti, al fine di elevare il brand al di sopra dei competitors.

Il nostro settore è pieno di messaggi che affollano il web, pertanto nel formulare la tua promessa cerca di essere originale e definisci con precisione il posizionamento del tuo brand di serramenti con un’idea unica o differenziante. 

In cosa si distingue il tuo marchio? 

Per che cosa combatte? 

Le persone sono maggiormente disponibili a seguire quei brand che hanno una causa ben precisa per cui lottare. 

Ci sono aziende che, vendendo porte o finestre, comunicano al mercato che desiderano salvaguardare l’ambiente, altre che vogliono migliorare la vita delle persone grazie ad un maggiore benessere abitativo. Chi ha puntato tutto sull’innovazione delle soluzioni per garantire il massimo comfort design e altre ancora che mirano a tutelare la salute o la sicurezza delle persone.

Quali valori desidera affermare il tuo brand?

I clienti, prima di scegliere a chi affidare un lavoro di serramenti per la propria abitazione, si identificano con i valori dell’azienda e con quelli delle persone con cui entrano in contatto.

Comunicare al pubblico la propria USP o unique selling proposition, è una buona base di partenza per sviluppare l’unicità di un brand di serramenti e per fornire alle persone una forte motivazione per essere scelti. 

5) Organizza una campagna di comunicazione integrata

Per diverse aziende il proprio brand è il pilastro su cui si regge una parte importante del business.

Pensa a realtà come Garofoli, Scrigno, Schuco, Ponzio, Internoorm, Finstral, Dierre, Velux, ecc

Prima di diventare dei marchi famosi hanno dovuto comunicare, nel tempo e in maniera costante, i valori del proprio brand e ciò che lo rendeva unico.

Per farlo non si sono certo concentrati solamente nelle attività di vendita, ma hanno investito in campagne di comunicazione integrata.

Sito web, campagne su Google o Facebook, visite in azienda, eventi,  promozione su vari media, cataloghi, brochure: tutto deve essere coordinato, in maniera chiara e coerente, per comunicare il brand con  il giusto tono di voce e una coerente immagine visiva.  

Costruirlo significa esporsi in maniera  autentica e mantenere le promesse per ottenere la fiducia delle persone e il necessario passaparola per  la diffusione e il posizionamento del “marchio” nella mente delle persone. 

6) Cerca di educare e non provare a vendere

Ci vuole tempo e il successo di un brand non si trova certo dietro l’angolo, ma richiede una strategia a medio o a lungo termine. 

Pensare di consacralo nel giro di pochi mesi o in poco tempo, è pura utopia. 

Certo dipende sempre dalla concorrenza da fronteggiare e da quanto si è disposti ad investire. 

Non basterà quindi qualche sponsorizzata a pagamento su Facebook o su Instagram per affermare il proprio brand di serramenti.

Questo perché essere visibili non garantisce automaticamente il successo. 

La diffidenza del pubblico, rispetto a chi non conosce, è sempre molto alta.

Per superarla devi comunicare prima la tua idea differenziante, stabilire delle relazioni con il pubblico e, solo in seguito, penserai a come vendere i prodotti. 

L’aggressione nei confronti dei consumatori non si fermerà di certo nel 2022. Anzi, crescerà in modo prepotente come ha fatto negli ultimi anni.

Spot TV, e-mail, sales letter travestire da finti libri, tweet, video, podcast, volantini nella cassetta delle lettere o striscioni nei cantieri: l’esposizione a messaggi  pubblicitari è in continuo aumento. 

Da una parte abbiamo le esigenze di promozione del tuo brand di serramenti, dall’altra sai che il pubblico è stufo di comunicazioni troppo invasive, e in buona parte, ne risulta immune. 

La mente ha imparato a riconoscerle e non presta più attenzione.

Ecco perché per costruire un brand potente devi puntare sui contenuti: informa, spiega, suggerisci, consiglia, confrontati con una nicchia di pubblico interessato e crea continuamente valore per le persone e per la tua azienda. 

Solo così potrai sviluppare positive referenze o testimonianze a supporto del tuo “marchio”.

Coltivarlo significa pensare da maratoneta e non da velocista.

Sviluppare nel tempo un brand, che le persone giudicheranno affidabile, è come correre una maratona. 

Se non ti alleni continuamente non arriverai mai al traguardo, ma sei avrai la forza e la costanza di mettere in pratica questi consigli all’interno di una strategia di marketing: il tuo brand di serramenti otterrà il successo che merita. 

In bocca al lupo! 

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Parliamo del tuo progetto?

Compila il modulo di contatto per richiedere una prima consulenza gratuita così da valutare SE e COME possiamo collaborare.

Parliamo del tuo progetto?

Seguo molto da vicino pochissime imprese, pertanto le disponibilità sono limitate.

Maggio

1

PROGETTO

Giugno

1

PROGETTI

Luglio

2

PROGETTI

Contattami ora per evitare la lista di attesa.

Preferisci parlare con me?

Preferisci scrivermi?