Come gestire un’azienda di serramenti

“Pandemia e crisi economica? Come affrontarle con il giusto mindset e la necessaria visione?”

Oggi desidero parlare di come gestire un’azienda di serramenti e con quali prospettive.  

Sono tante le domande che affollano la mente di un serramentista o del titolare di un’azienda di infissi alla luce degli accadimenti legati alla pandemia. 

Tagliare i costi  del personale o fatturare di più? Aumentare il numero dei clienti o dedicare più tempo a quelli abituali?

Proporre lo sconto in fattura o dedicarsi alla certificazione delle competenze sulla posa?

Archiviato un anno bisestile e tremendo come il 2020, i dubbi degli imprenditori restano sulle conseguenze economiche che il Covid-19 avrà sulle attività del nostro settore anche nel corso dei prossimi anni.

Investire in nuove strategie di comunicazione digitale o andare avanti come se nulla fosse accaduto?

Fissare nuovi obiettivi rimodulando il piano di marketing o continuare a lavorare sperando di raggiungere le mete programmate?  

Alcune di queste domande sono davvero importanti per garantire la sopravvivenza o il futuro successo dell’attività.

 

Come affrontare i periodi di crisi? 

Di fronte ai bivi, imboccare una strada e abbandonare l’altra, soprattutto in tempi di incertezza o difficoltà, può apparire impegnativo o può persino “spaventare”.

 

“Dietro ogni impresa di successo, c’è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa” Peter Drucker

 

Quando si deve optare per una soluzione o un’altra, si va sempre incontro ad eventuali rischi.

Scegliere frettolosamente tra l’opzione “A” o “B” o valutarla in maniera tardiva, potrebbe causare delle conseguenze dannose per qualsiasi impresa.

Certo nel 2020 nessuno avrebbe mai pensato che una pandemia globale ci avrebbe riportato indietro di molti decenni nella crescita economica.

In questi momenti la vita di un serramentista, di un titolare di uno showoroom di porte e finestre o di un consulente di marketing, che affianca l’amministratore di un’azienda di infissi, potrebbe essere messa a dura prova.

Ecco che, in questi casi, adottare il giusto mindset diventa non solo auspicabile, ma direi anche “vitale” per il bene dell’impresa.

 

Ma cos’è esattamente il mindset?

Una cosa che si mangia durante il cenone di Capodanno o che si indossa come una corazza per proteggerci dagli eventuali rischi o le avversità future?

Niente di tutto questo!

Il mindset è il nostro approccio mentale, o per meglio dire: il nostro modo di pensare e di influenzare le nostre decisioni.

Rappresenta la lente attraverso la quale guardiamo il mondo.

Non essendo mai statico, il mindset cambia al mutare delle circostanze esterne, in base alle nostre credenze, ai condizionamenti legati ai periodi di incertezza, ma anche in relazione a ciò che apprendiamo nel corso della nostra vita.

Insomma: la nostra visione, negativa o positiva, che ci siamo fatti della realtà che ci circonda condizionerà le nostre scelte future.

Ma come si fa ad adottare il giusto mindset capace di aiutarci a superare anche i periodi di crisi più difficili?

Qualsiasi imprenditore, è consapevole che, oggi, gestire un’azienda di serramenti non sia affatto semplice.

Non tutti hanno però affrontato allo stesso modo le difficoltà lavorative: alcuni sono usciti quasi indenni, grazie ad investimenti che hanno prodotto i loro frutti, altri stanno facendo del loro meglio per resistere, dopo essere passati attraverso i vari lockdown.

Altri ancora hanno dovuto alzare “bandiera bianca”, incontrando sulla loro strada la “tempesta perfetta”, affrontata con coraggio e a viso aperto, ma privi forse di adeguate risorse o dei necessari strumenti che la pandemia ha richiesto.

 

La situazione da cui bisogna partire

I periodi che ci attendono saranno sicuramente duri per tutti gli addetti del settore serramenti, nonostante le misure di incentivazione e gli aiuti fiscali messi in campo dal Governo. 

La riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare italiano, rappresenta per tutte le imprese e gli operatori del comparto edile, una grande opportunità di business e di rilancio economico.

Diciamo però le cose come stanno: al netto dei vari proclami, il superbonus al 110% e i vari bonus fiscali al 50%, a causa delle difficoltà burocratiche legate allo sconto in fattura e alla cessione del credito, non potranno essere sfruttati da tutti.

Dati e statistiche confermano che il  mercato dei serramenti è in netto calo e le vendite nel 2020, come era prevedibile, hanno subìto un brusco rallentamento.

Se 8 consumatori su 10 chiedono lo sconto in fattura e la cessione del credito per l’acquisto dei serramenti, il rischio per quelle imprese che non offrono questo servizio, è quello di restare ai margini del mercato.

 

Come gestire un’azienda di serramenti con il giusto mindset

Ecco 6 consigli utili su come approcciare al meglio questa crisi, anche a seguito di svariati confronti avuti proprio con gli imprenditori e gli operatori del settore.

 

1) Non perdere la visione e la necessaria lucidità

Non si tratta tanto di avere fede nel futuro o sperare in tempi migliori.

Lo dico perché la storia insegna: dopo ogni periodo di crisi, segue quello della ripresa economica. 

Inoltre il settore serramenti, contrariamente ad altri (ristorazione, alberghiero, viaggi, automotive, ecc.) ha risentito meno della crisi.  

Progressivamente le cose ritorneranno ad una certa “normalità”.

Il punto semmai è un altro: in questo “periodo di transizione” è fondamentale condividere una visione positiva con i clienti e diffondere un certo ottimismo tra gli addetti ai lavori.

Non esiste nulla di peggio per gli affari che farsi vedere depressi o abbattuti.

Del resto la negatività genera sempre altre negatività…

Allora invece di concentrarti su quello che questo periodo ti ha tolto, focalizzati su quello che hai.

Hai più tempo a disposizione?

Bene, ora vedremo come sfruttarlo al meglio!

 

2) Lascia stare le cose futili, concentrati su quello che sai fare

Nelle situazioni di difficoltà è normale sentirsi impotenti.

Concentrati allora su ciò che puoi controllare, incentivando gli altri a fare lo stesso.

Non entrare nel loop mentale “del continuo lamento”.

Evita perciò di rispondere ai vari commenti, soprattutto su Facebook, aggiungendoti alla lista dei “tuttologi” che in rete: oggi vestono i panni del “medico,” domani del “virologo”, tra una settimana si occupano di economia e chissà magari l’aspirazione futura è quella di entrare in politica.

Tu sei un imprenditore: una persona seria e degna di fiducia. Le tue opinioni sono importanti, confrontati con le persone giuste e non sprecare tempo ed energie con chi non le saprebbe apprezzare. 

 

3) Non restare fermo

Lì fuori ci sono tante aziende, serramentisti e rivenditori che, anche se hanno avuto a che fare con lockdown e misure di prevenzione del virus, non si sono mai fermati nella loro attività.

Farsi vedere operativi è importante per non compromettere le relazioni con tutte le persone che, a vario titolo (clienti, fornitori, banche, dipendenti, agenti, collaboratori, ecc.), lavorano o collaborano con te o con la tua impresa.

Così come sai gestire un’azienda di serramenti,  così dovresti essere consapevole che non esiste nulla di più dannoso per gli affari che farsi trovare immobili o fermi con l’attività.

Una cosa infatti è superare una crisi, pur con tutte le sue difficoltà, altra cosa è instillare il dubbio nel pubblico di un’eventuale chiusura.

Non si tratta quindi solo di trovare nuove risorse economiche o finanziarie, serve anche un corretto approccio mentale, oltre a una grande forza di volontà.

Sono certo che se ti guarderai dentro, troverai le energie necessarie.

 
4) Trasforma le minacce in opportunità!

Visto il calo del lavoro, hai più tempo a disposizione?

Non hai ancora elaborato una nuova strategia di comunicazione o di marketing per rilanciare la promozione dei tuoi serramenti?

Studia, leggi dei libri, guarda cosa stanno facendo gli altri, elabora idee e strategie per offrire nuovi prodotti o migliori servizi ai clienti.

In alternativa contatta quel professionista per digitalizzare la tua azienda o un bravo consulente per elaborare un nuovo piano di marketing per i prossimi anni.

Non hai ancora sviluppato un piano editoriale per i tuoi canali social?

L’ultimo post del blog aziendale risale a circa 2 anni fa?

La newsletter è stata programmata, ma poi ti sei fermato alla seconda?

Ecco: questo è probabilmente il momento giusto per fare quelle cose, che avevi sempre rimandato.

Non hai più scuse, usa il tempo nella maniera più proficua a vantaggio della tua attività.

 

5) Non dimenticarti mai chi è alla guida dell’azienda

Tu sei l’imprenditore o il capitano della tua impresa, giusto?

Vuoi che collaboratori e clienti credano ancora in te e in quello che fai?

Allora cerca di essere per gli altri un esempio da seguire.

Anche se non sei al massimo della forma, le persone attorno a te, cercano una guida da cui trarre ispirazione o da seguire, soprattutto durante un periodo difficile come quello che stiamo vivendo.

In quanto titolare, anche se alcune volte sembra che tutto remi nella direzione contraria, cerca di restare calmo, paziente e flessibile nei confronti degli altri.

Come gestire un’azienda di serramenti in maniera organizzata?

Un imprenditore è abituato ad avere un calendario strutturato: telefonate a clienti e fornitori, meeting con i dipendenti, video call con consulenti e collaboratori, un caffè o molti di più, tra la fine di un progetto e l’inizio di un altro.

 

6) Stabilisci i tuoi nuovi obiettivi

 

 

Durante le mie consulenze di marketing, spesso cerco di spiegare che: “gestire un’azienda di serramenti significa anche raggiungere nuovi traguardi o rimodularli in caso di necessità”.

Inconsciamente siamo proiettati, non tanto verso la crescita, quanto verso la possibilità di non perdere le cose a cui teniamo.

Come vedi il bicchiere: mezzo vuoto o mezzo pieno?

Se tendiamo a pensare troppo a non perdere, rischiamo però di restare fermi o immobili, non aprendo la mente a nuove opportunità.

Quello che dovremmo fare, invece, è avere un mindset proattivo, che guarda dritto alla crescita, senza troppi timori o angosce.

Fidati: lo puoi fare anche tu!

Se metterai in pratica qualche suggerimento che ti ho appena dato, sono sicuro che saprai gestire la tua impresa in maniera più costruttiva e con la giusta visione. 

 

 

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Parliamo del tuo progetto?

Compila il modulo di contatto per richiedere una prima consulenza gratuita così da valutare SE e COME possiamo collaborare.

Parliamo del tuo progetto?

Seguo molto da vicino pochissime imprese, pertanto le disponibilità sono limitate.

APRILE

1

PROGETTO

MAGGIO

1

PROGETTI

GIUGNO

2

PROGETTI

Contattami ora per evitare la lista di attesa.

Preferisci parlare con me?

Preferisci scrivermi?