Top

Vuoi aumentare le vendite di infissi? Costruisci un brand legato alla tua storia personale.

“Oggi le persone sono attratte dalle storie, dai personaggi che si creano dietro la vendita di un prodotto e dalla filosofia con la quale un’impresa (grande o piccola) opera sul mercato”.

Richard Branson è un eccentrico imprenditore londinese con oltre 400 società in vari settori. Vive nella propria isola privata: ”Necker Island”, ai Caraibi. Secondo la rivista “Forbes” il suo patrimonio ammonterebbe a circa 5,2 miliardi di dollari. Come ha fatto a diventare uno degli uomini più ricchi al mondo? Branson nel tempo ha costruito un marchio personale che gli consente di trasformare in oro ogni business con cui viene a contatto. Usa la sua immagine per risolvere ogni conflitto, per lanciare prodotti, per attrarre talenti e per reperire capitali. Un giorno Richard, completamente vestito da capo indiano e portando con sé una piccola ascia, scese dalla sua automobile per andare a raggiungere l’amministratore delegato dell’Aeroporto di Sydney. Allungò una mano e dichiarò: “Sono qui per sotterrare l’ascia di guerra!”. Si perché i suoi manager fecero di tutto per far inserire la Virgin nel teminal principale dell’aeroporto Australiano, senza però ottenere nessun risultato. E’ per questo che, in casi del genere, scende in campo personalmente. Con il suo stile e carisma, alla fine, è riuscito a trovare un accordo e concludere l’ennesimo affare! Ora credo che pochi ambiscano a diventare un leader così potente come Branson, ma l’aspetto che vorrei focalizzare è come abbia fatto a diventare il marchio di se stesso partendo da zero. Richard proviene da una modesta famiglia della classe media britannica ed il suo periodo scolastico, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, non è stato un gran successo. In molte materie andava malissimo, era anche vessato da alcuni studenti che lo prendevano in giro per il suo carattere “antisistema”. Richard rivolse tutte le sue attenzioni in attività extrascolastiche, che invece ebbero un enorme successo. Fondò il magazine “Student”: un giornale scolastico rivolto agli studenti del suo Istituto. Il Presidente dichiarò ai suoi genitori: “questo ragazzo o finisce in galera o diventa milionario!”. E da qui che nasce la sua leggenda imprenditoriale fatta di passioni per la musica (fondò la“Virgin Records”) e per gli aerei (creò la “Virgin Atlantic Airways” e tante altre compagnie). In questo percorso è stato un campione nello scegliere i giusti collaboratori con cui lavorare! L’innata abilità nel delegare agli altri le attività, che avrebbero portato alla realizzazione positiva degli affari, è sempre stato uno dei segreti del successo. Poi ha saputo costruire e comunicare al mondo la sua storia personale. Ha scritto libri e, nel tempo, ha arruolato alla causa un team di professionisti. E’ molto seguito dai suoi fan, che crescono di ora in ora….La sua storia ha un aspetto simile a quella di altri imprenditori famosi, che hanno messo un volto ancora prima del logo dell’azienda. Un grosso marchio può spendere milioni per fare in modo che il pubblico si ricordi il suo logo. Una faccia, invece, viene ricordata molto più facilmente dalla gente, in quanto il nostro cervello è programmato per connettersi e fidarsi di un viso, una voce e del linguaggio del corpo. Se costruirete un marchio personale di straordinaria affidabilità, alla gente verrà naturale citarvi e raccomandarvi durante le conversazioni. Stanno velocemente per finire i giorni, in cui una società potrà sopravvivere senza una faccia, un testimonial che la rappresenti al mondo e agli occhi dei suoi clienti. Oggi le persone sono attirate dalle storie, dai personaggi che si creano dietro la vendita di un prodotto e dalla filosofia con la quale un’impresa (grande o piccola) opera sul mercato. Pensate ad Alfio Bardolla! E’ un imprenditore di successo, autore di best seller sulla finanza personale e financial coach. Ha fondato la società “Alfio Bardolla Training Group Spa” : la prima azienda di formazione finanziaria quotata in Borsa. Alfio ha legato la sua immagine alle sue imprese ed oramai è diventato un brand di se stesso, con la sua maglia arancione con la quale si contraddistingue. Il mercato offre altri esempi che vanno da Giovanni Rana ad Oscar Farinetti. Per fare personal branding della propria attività, oggi la rete offre tanti strumenti: dal Blog personale ai video su “Youtube” , da siti interattivi all’uso dei Social. Seguiranno poi libri, conferenze ed eventi dal vivo per uno specifico target di pubblico. Ovviamente il successo o meno di tali attività risiedono nell’implementazione di una strategia di comunicazione precisa e programmata.

No Comments

Post a Comment