Top

Senza una strategia di posizionamento, è difficile far decollare un progetto online!

“…la rete è solo uno strumento di connessione! Semmai è da capire l’uso che s’intende farne in relazione a precisi obiettivi”

Internet ha fatto da spartiacque tra chi ha cavalcato da protagonista “l’onda digitale” e chi è rimasto fuori la porta a guardare dal buco della serratura!

 

Purtroppo tanti operatori che hanno deciso di varcare la soglia “dell’online”, sono rimasti spesso delusi.

 

Forse “accecati” dal mito che la rete possa risolvere tutti i problemi legati all’acquisizione di nuovi clienti?

Attratti dalla sirene di guru o agenzie di web marketing che promettono “miracoli”, alla fine hanno sprecato soldi e tempo nella realizzazione di campagne pubblicitarie (tipo quelle su “Google AdWords” o “Facebook ADS”).

 

Risultati? Spesso, pur in presenza di aumenti del traffico del sito aziendale, NON ottenevano reali conversioni degli utenti.

 

Ecco che, nel tempo, la diffidenza è aumentata sempre di più, e Internet è stato giudicato da molti come “inefficace”…

 

In realtà la rete è solo uno strumento di connessione! Semmai è da capire l’uso che s’intende farne in relazione a precisi obiettivi.

 

Senza l’implementazione preventiva di un’efficace strategia, difficilmente si ottengono buoni risultati.

 

Spesso l’attenzione è rivolta troppo al generico aumento del traffico, invece che adottare, fin da subito, una forte e chiara scelta di posizionamento.

 

Quale unicità comunica il tuo prodotto e/o servizio? In che cosa si differenzia davvero la tua attività rispetto alla concorrenza? 

 

A queste fondamentali domande, se ci si rivolge ad un’agenzia di web marketing generalista (che si indirizza a tutte le imprese di ogni settore), NON è possibile ricevere delle risposte adeguate per uno specifico mercato.

 

Per capirci: se devi far installare delle finestre in un appartamento, a chi ti rivolgi? Ad un muratore o un posatore qualificato?

 

La stessa cosa vale per la definizione delle attività di Marketing (Online e/o Offline) da applicare ad un’azienda.

 

 

La parte strategica, viene prima di quella operativa!

 

E’ inutile disquisire su dettagli tecnici, se NON si conoscono con precisione tutti gli elementi “in gioco”.

 

Occorre trovare un esperto di Marketing del settore infissi che ti indichi la strada, che parli il “linguaggio del serramento” in tutte le sue declinazioni: quali sono i serramenti più richiesti dal mercato? (PVC o  alluminio? Finestre di legno o legno/alluminio?), quali tipologie di soluzioni e finiture scegliere? (“Taglio freddo o termico? Rovere Naturale o Frassino Spazzolato?”), che tipo di clientela si vuole servire? (imprese, privati o architetti?), quali servizi sono fondamentali per vendere infissi?

 

Tutto questo alle “orecchie di un addetto al settore” suona familiare, ma per un’agenzia di Web Marketing generalista, che deve elaborare tutte queste conoscenze e tradurle in uno specifico progetto online, è ARABO!

 

Per adottare una valida strategia, prima di decidere quali campagne fare o quali piattaforme utilizzare, occorre elaborare un’analisi della concorrenza in zona per capire come questa si è già posizionata.

 

Esistono già rivenditori che hanno puntato sul design dei serramenti? Oppure serramentisti che hanno preferito adottare profili altamente performanti in termini di risparmio energetico? Ci sono showroom con infissi personalizzabili e “Made in Italy”? Che dire dei rivenditori specializzati nella Sicurezza?

 

E’ inutile rincorrere un concorrente già posizionato…

 

Solo successivamente si potrà identificare il giusto “angolo di attacco” e valorizzarlo in termini di proposte e soluzioni differenzianti da veicolare sul mercato.

 

Per fare tutto questo un’agenzia di comunicazione dovrebbe aver ben chiaro: come si posiziona un concorrente ad esempio quando utilizza un profilo in alluminio “Schùco” piuttosto che “Domal”, rispetto magari a quello “Ponzio” o “Metra” che stai utilizzando? Oppure quando deve valutare la comunicazione delle finestre in PVC che commercializzi (“Internorm”, “Finstral”, “Oknoplast”, “Nurith” o “Dutrex”?).

 

Dovrà analizzare ad esempio il target di clientela online da colpire, rispetto alle porte interne che commercializzi (“Garofoli”, “Bertolotto”, “Door 2000” o uno dei tanti assemblatori regionali di porte in laminatino?). E le porte blindate? (“Alias” o “Gardesa”? “Torterolo” o “Dierre”?).

 

Senza parlare di tutti gli altri complementi: porte a vetro, persiane, scuri, grate, avvolgibili, frangisole, zanzariere, cassonetti, ecc…

 

Senza queste conoscenze, come si potrebbero realizzare dei contenuti efficaci per colpire un utente interessato?

 

Per altre decine di altri motivi (e variabili) che si aggiungono a quelli sopra rappresentati, tutto questo una web agency tradizionale NON è grado di farlo!

 

Potrà realizzare tecnicamente un sito (che resta solo un mezzo!), sviluppando una campagna online per generare più traffico, ma da qui ad ottenere risultati tangibili…

 

Pertanto prima di affidare a qualcuno un lavoro così importante per la tua attività, ti invito a riflettere prima sulle seguenti domande: “Quale target di clienti vuoi conquistare? Quale reale valore differenziante caratterizza la tua attività?

 

Se NON vuoi perdere tempo prezioso, scopri subito i 5 segreti per costruire un brand che calamita più clienti di quanti ne potrai servire!

 

Se vuoi iscriverti al mio Blog o contattarmi clicca qui!

 

 

 

Se ti è piaciuto questo post, sostienilo cliccando in basso: “mi piace” e condividilo sui Social.

No Comments

Post a Comment